STOP USURA

É indispensabile innanzitutto verificare la sussistenza dell’usura e valutare attentamente le condizioni contrattuali, operando un’attenta valutazione preventiva e complessiva del caso specifico.

MEDIAZIONE CIVILE

Chi vuole iniziare una causa civile deve prima contattare un organismo iscritto nel registro tenuto dal Ministero della giustizia•articolo 5, comma 1 del d.lgs. 28/2010

EQUITALIA

Chiedi una verifica gratuita : ti consiglieremo al meglio e ti assisteranno nella gestione delle richieste di annullamento e sgravio delle somme illegittimamente addebitate.

ESDEBITAZIONE (liberazione dai debiti) per il consumatore

Legge 3/2012, i consumatori e altri soggetti esclusi dalle procedure fallimentari hanno a disposizione una nuova procedura per agevolare il risanamento della propria condizione debitoria, ovvero di sovraindebitamento.

STOP USURA stop

Si sente parlare sempre più spesso di Usura legata a finanziamenti e mutui. E’ capitato e capita anche al nostro studio di assistere alcuni clienti intestatari di finanziamenti con tassi usurari, che hanno deciso di far valere i propri diritti, avvalendosi del nostro sostegno.

Vi sono state, a tal riguardo diverse sentenza a favore dei consumatori.  Secondo la normativa antiusura concorrono al calcolo del TAEG –  tasso annuale effettivo globale, tutte le spese, ad esclusione delle imposte e delle tasse, connesse al finanziamento; non solo gli interessi applicati al prestito ma anche le polizze assicurative, i costi di istruzione pratica, le spese di intermediazione etc.

mano

Alla  stipula di un mutuo o di un finanziamento infatti il cliente non può di certo prevedere se e quanto pagherà in ritardo, né tanto meno, se e quando estinguerà anticipatamente il prestito. Occorre quindi stabilire il costo complessivo dell’operazione anche nella peggiore delle ipotesi possibili e nella condizione economicamente più svantaggiosa per il consumatore.

calcolatriceE’ opportuno quindi valutare il prodotto finanziario in essere anche considerando i costi promessi, quindi la mora e la penale per l’estinzione anticipata; qualora si rilevi un tasso usurario, il cliente ha la facoltà infatti di non pagare gli interessi o di chiederne la restituzione nel caso li avesse pagati in parte, restituendo all’istituto di credito ovviamente, la somma ricevuta in prestito. 

gratis

martello

MEDIAZIONE CIVILE

La mediazione e’ l’attività svolta da un professionista con requisiti di terzietà, finalizzata alla ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, anche con formulazione di una proposta per la risoluzione della lite.

Chi vuole iniziare una causa civile deve prima contattare un organismo iscritto nel registro tenuto dal Ministero della giustizia

E’ fissato un primo incontro di programmazione con un mediatore e le parti

All’esito dell’incontro preliminare di programmazione, le parti decidono se concludere la mediazione con un accordo, oppure proseguire la mediazione o ancora, in caso di mancato accordo, terminare la procedura di mediazione e andare in giudizio (senza pagare le indennita’ della mediazione)

Il mediatore redige un verbale che attesta l’esito della procedura

Il mediatore, in caso di mancato accordo, formula una proposta di conciliazione

Il giudice puo’ prendere provvedimenti nei confronti della parte che ha rifiutato la proposta di conciliazione

Il verbale di accordo, alle condizioni di legge, costituisce titolo esecutivo

  • Quando tutte le parti sono assistite da un avvocato, il verbale di accordo, sottoscritto dalle parti e dagli stessi avvocati, costituisce titolo esecutivo per l’espropriazione forzata, per l’esecuzione per consegna e rilascio, l’esecuzione degli obblighi di fare e non fare, oltre che per l’iscrizione di ipoteca giudiziale. Gli avvocati attestano e certificano la conformità dell’accordo alle norme imperative e all’ ordine pubblico.
  • In tutti gli altri casi l’accordo allegato al verbale, su istanza di parte, è omologato dal tribunale, e costituisce titolo esecutivo per l’espropriazione forzata, per l’esecuzione in forma specifica, oltre che per l’iscrizione di ipoteca giudiziale.

Mediazione preventiva obbligatoria

1385828_514779178613454_1358827582_n

La mediazione, rispetto ad alcune materie elencate nell’articolo 5 del d.lgs. n. 28 del 2010, si pone come condizione di procedibilità per l’avvio del processo (tuttavia occorre sottolineare che l’improcedibilità deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d’ufficio dal giudice non oltre la prima udienza).

Si tratta, usualmente, dei casi in cui il rapporto tra le parti è destinato, per le più diverse ragioni, a prolungarsi nel tempo, anche oltre la definizione della singola controversia.

Ovvero dei casi di rapporti particolarmente conflittuali, rispetto ai quali, anche per la natura della lite, è quindi particolarmente più fertile il terreno della composizione stragiudiziale.

La mediazione torna obbligatoria per 4 anni (cioè fino al 2017) in materia di:

  • Divisione,  successioni ereditarie
  • Diritti reali
  • Condominio
  • Patti di famiglia
  • Locazione
  • Comodato
  • Affitto di aziende
  • Risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità
  • Contratti assicurativi, bancari e finanziari.

In questi casi, la parte che intende agire in giudizio ha l’onere di tentare la mediazione, con l’assistenza di un avvocato, che deve, chiaramente e per iscritto, informare il proprio assistito, sia della possibilità di procedere alla mediazione e delle relative agevolazioni fiscali che dei casi in cui il procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale. Il giudice, qualora rilevi la mancata allegazione del documento all’atto introduttivo del giudizio, informa la parte della facoltà di chiedere la mediazione.
In ogni altra materia la mediazione potrà essere avviata dalle parti su base volontaria, sia prima che durante il processo.
La mediazione disposta dal giudice è prevista anche dalla direttiva comunitaria 2008/52/Ce, e si affianca senza sostituirla alla conciliazione giudiziale.
Casi di esclusione
La mediazione non è più condizione di procedibilità della domanda giudiziale nei procedimenti di consulenza tecnica preventiva ai fini della composizione della lite e in tutti i casi elencati nell’articolo 4 del d.lgs. 28/2010.

gratis

 

Non esitare a contattarci, i nostri esperti risponderanno a tutti i tuoi quesiti

 


equitaliaChiedi una verifica gratuita : ti consiglieremo al meglio e ti assisteranno nella gestione delle richieste di annullamento e sgravio delle somme illegittimamente addebitate. Se hai ricevuto una o più cartelle esattoriali, o solleciti di pagamento, e vuoi estinguere il tuo debito, ma con la certezza di pagare solo ciò che è effettivamente dovuto contattaci.

 La cartella esattoriale è un atto di pagamento che Equitalia (per conto di crediti vantati da altri enti, tra i quali Agenzia delle Entrate, Inps, Comuni, ecc.) invia ai contribuenti (aziende e privati)  per esigere il pagamento di un debito iscritto a ruolo. 

equitalia_filaNon fare lunghe e stressanti code interminabili allo sportello provvederemo noi a tutti gli adempimenti necessari. Al termine ti contatteremo per comunicarti il risultato raggiunto. Bastano pochi giorni per avere lo stato della tua posizione, insieme dopo aver analizzato le strade possibili da percorrere per liberarti dalle preoccupazioni di procedure decideremo le attività da avviare. Ma sarà davvero tutto da pagare? Potrebbe trattarsi, ad esempio, di cartelle o multe mai notificate, oppure somme ormai prescritte o importi comunque non dovuti. Chi ha la possibilità di farlo, dovrebbe regolarizzare la propria posizione ed estinguere i propri debiti, anche per evitare che le somme a proprio carico aumentino e che l’Agente della Riscossione si attivi in via esecutiva con pignoramenti ed ipoteche. Ma prima di pagare le cartelle esattoriali a proprio carico e/o concordare un eventuale piano di rateazione, è meglio accertarsi che le somme addebitate siano effettivamente dovute.

ESDEBITAZIONE esdebitamento(LIBERAZIONE DAI DEBITI) PER IL CONSUMATORE 

I soggetti in perdurante squilibrio economico tra le obbligazioni assunte (pagamenti da effettuare) ed il patrimonio liquidabile, con impossibilità di far fronte ai propri impegni, possono accedere alle procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento. Legge ” SALVA SUICIDIO ” n. 3 del 27 gennaio 2012, Capo II – Sezione I, come  integrata e modificata con legge n. 221 del 17 dicembre 2012 (modifiche entrate in vigore il 18 gennaio 2013) (Legge n.3 del 27-1-2012 con successive modifiche). Le procedure riguardano i debitori non soggetti al fallimento (piccoli imprenditori, professionisti, privati in genere, ecc.) quale disciplinato dal regio decreto 16/03/1942 numero 267 (legge fallimentare), quindi, anche professionisti e cittadini. Il debitore presenta istanza al Presidente del Tribunale di per la nomina di un Professionista abilitato, che cura la proposta di accordo o il piano di rientro del debito. L’accordo può essere chiesto da tutti i soggetti di cui sopra e richiede il voto favorevole dei titolari di almeno il 60% dei crediti. girl-happiness-hd-wallpaperPuoi rivolgerti presso i nostri sportelli di organismo di composizione della crisi privato. Le tariffe ministeriali per i consulenti che predisporranno il piano del sovraindebitamento sono fissate dall’organismo secondo i parametri ministeriali, sono pubbliche e vengono rilasciate su richiesta.

Ecco cosa dicono di noi

Professionisti seri

Sempre disponibili e veloci nelle risposte!  Professionisti capaci e davvero a disposizione dei clienti. Complimenti a tutto. I loro servizi sono chiarii e veloci

Andrea Rossi Imprenditore -
Sono molto soddisfatta

Non riposavo più, pensavo non riuscissi a risolvere i problemi che mi affliggevano. Un caro amico mi ha detto rivolgiti a Soluzioni per Tutti. Un team di professionisti troverà una soluzione ai tuoi problemi. Grazie a loro sono più tranquilla e mi sento molto meglio

Milena Rossi Commerciante -
razie dalla mia famiglia

La mia famiglia viveva nel terrore,  il pensiero di perdere la casa dove viviamo non era accettabile. Non ho mai incontrato professionisti cosi caparbi. Insomma grazie a loro tutto si  è sistemato

Simone Forti Infermiere -
Finalmente persone perbene!

Non pensavo potessero esserci professionisti capaci di aiutarmi come hanno fatto loro. Mi hanno ascoltato per ore, tranquillizzato e poi ecco la soluzione. Che dire grazie

Laura Bianchi Responsabile alle vendite -
COSA ASPETTI A CHIAMARE AL NUMERO +39 0818391744 Se sei arrivato nella nostra pagina vuol dire che hai fatto una ricerca mirata ad una delle nostre attività
 

© Copyright 2015 –  -Soluzioni per tutti by FabozziGroups.